Home/Blog OVERTIME, RECENSIONI, Rubriche/La favola di Vilas e un’ingiustizia sanata

La favola di Vilas e un’ingiustizia sanata

Print Friendly, PDF & Email
vilas

Un uomo, un’ossessione, un’ingiustizia. Una storia di sport, una storia di vita. “Vilas: tutto o niente”, lo trovate su Netflix. Merita sicuramente la visione, è un piccolo gioiellino che riesce a definire con nitore e affetto i contorni di un campione beffato dal destino avverso. Prima premessa: Guillermo Vilas – argentino di Buenos Aires – è stato un fuoriclasse, di quelli che segnano una generazione – quella degli anni ’70 – e rimangono a lungo nella memoria collettiva. Seconda premessa: Vilas non è mai arrivato ad essere il numero uno del mondo e non certo per demerito, ma per colpa di un algoritmo, di regole bizzarre e forse artefatte per favorire – sospetto – qualche collega. La narrazione del docufilm gira tutta attorno a questo torto patito nel momento più alto della sua carriera, con un giornalista argentino – Eduardo Poppo – che cerca di dimostrare perché e per come il primo posto gli fu negato.

vilas

Guillermo Vilas portato in trionfo dopo la vittoria degli US Open del 1977 contro il rivale Jimmy Connors. (tenniscircus.com)

Che favoloso tennista è stato, Vilas. Macho per posa, ribelle per giusta causa, dentro gli bruciava il fuoco dell’ambizione. Figlio di un avvocato, cresciuto nell’agio della buona borghesia argentina, mancino purosangue, una fascia tra i capelli come il suo amico/rivale Borg, introverso eppure amatissimo dalle donne. Poeta in campo e fuori – scriveva poesie, una la dedicò a Carolina di Monaco -, terraiolo tra i migliori di sempre, considerava Wimbledon un campo di «erba per le mucche», mai domo, capace di colpi sensazionali, a suo modo un rivoluzionario che ha cambiato la storia del tennis ed è stato modello per chi è venuto dopo. Sua è l’invenzione della “Gran Willy”, il tiro della disperazione effettuato a fondo campo, spalle alla rete, un colpo secco a impattare la pallina a mezz’aria in mezzo alle gambe. Ha raccontato: «L’idea mi venne osservando quella pubblicità con Harriott – il tennista argentino Juan Carlos Harriott, ndr – che tirava una botta da sotto le zampe del cavallo, ovviamente non con la racchetta ma con il bastone del polo; semplicemente, mi sembrò una cosa fantastica e l’applicai al mio tennis».

vilas

Guillermo Vilas e Carolina di Monaco. (sportfair.it)

Il suo anno magico è stato il 1977. Trionfò in 16 tornei – a fine carriera i titoli Atp furono complessivamente 62 – con una striscia vincente di 53 vittorie sulla terra battuta – solo Nadal ha fatto meglio di lui – e due Slam conquistati – quattro in totale. In cima al mondo, senza però poter piantare la propria bandiera a futura memoria. L’argentino raggiunse infatti la seconda posizione il 30 aprile 1975, rimanendovi per un totale di 83 settimane, senza mai salire di piano e vedersi incoronato re del mondo – cosa che invece accadde al suo grande rivale, Jimmy Connors.

vilas

Roger Federer, Guillermo Vilas e Novak Djokovic nel 2018 durante le celebrazioni del cinquantenario degli US Open. (usopen.org)

Vilas: tutto o niente” è stato diretto dal regista messicano Matias Guilbert. Ci consegna l’affetto per Vilas di autentiche leggende del tennis come Bjorn Borg, Rafael Nadal, Roger Federer, Rod Laver e Gabriela Sabatini. «Ha avuto una grande influenza sui tennisti che sono venuti dopo di lui», gli rende onore Federer. Il Vilas di oggi è un uomo di 68 anni, un bandolero della Pampa invecchiato anzitempo, afflitto da una malattia neurodegenerativa. Pochi i momenti di lucidità nella sua quotidianità, avvolta per lo più da una dolce nebbia. Curiosità: il titolo originale della serie è “Settling the score”. Espressione che ha un doppio significato. Letteralmente vuol dire “fissare il punteggio”, ma per estensione significa anche “mettere le cose a posto”. Questo fa il docufilm su Vilas: (ri)mette le cose a posto, ridà senso alla sua storia, ricompone una frattura e – forse – sana un’ingiustizia.

 

Foto copertina – ubitennis.com

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Un commento

  1. […] il fuoriclasse argentino Guillermo Vilas al Roland Garros, al suo ultimo match nel circuito – a Vilas e alla serie tv “Vilas: tutto o niente” Furio Zara ha dedicato un bellissimo articolo su…. Nel corso della carriera sconfigge anche altri giocatori che hanno lasciato un segno nel tennis […]

Scrivi un commento

Articoli Recenti:

Autore

Segui Overtime Festival

Articoli Recenti

Torna in cima